Graz Kunsthauscaffé(c)Graz Tourismus_Tom Lamm Graz Kunsthauscaffé(c)Graz Tourismus_Tom Lamm

Graz - quattro irresistibili motivi per visitarla quest'estate

Seconda città dell'Austria per numero di abitanti, Graz è Patrimonio mondiale Unesco, UNESCO City of Design, Capitale dei Sapori e anche città amica dei ciclisti

Patrimonio mondiale Unesco per il suo centro storico, Città del Design, Capitale dei Sapori e anche città amica dei ciclisti: Graz è tutto questo. Allineata lungo del rive del fiume Mur, Graz è una delle tappe più piacevoli della Murradweg, una pista ciclabile di quasi 500 chilometri immersa tra natura e tesori dell’arte. In bici, poi, si raggiungono la famosa scuderia di Piber, dove nascono e si addestrano i cavalli lipizzani della Scuola di equitazione spagnola di Vienna, e il paesino di Stübing, dove scoprire un museo che raccoglie le dimore rurali più belle e caratteristiche di tutta l’Austria.

Città a misura di pedone, da scoprire lentamente per farsi coinvolgere dalla sua atmosfera creativa, rilassata e stimolante, Graz è un’ottima meta anche per chi ama spostarsi in bicicletta. Il suo centro storico, uno dei primi ad essere pedonalizzati in Europa, si raggiunge con piste ciclabili o strade poco trafficate: gli amministratori di Graz sono stati tra i più solerti nell’introduzione delle zone a velocità ridotta- a 30 chilometri orari- con la finalità di ridurre il traffico veicolare. Esiste, inoltre, un’ottima promozione della mobilità dolce, tanto che con l’abbonamento annuale al trasporto pubblico si ottiene anche una bici elettrica a noleggio gratuito. Bici di tutti i tipi- city bike, mtb, da corsa, con i carrellino per i bimbi e cargo- si trovano a noleggio ovunque e, per chi ama il fuoristrada, nella zona nord della città ci sono percorsi immersi nel verde, collinari, dedicati agli appassionati di mountain bike.

www.graztourismus.at/it

 

 

Graz Kunsthauscaffé(c)Graz Tourismus_Tom Lamm
Graz Kunsthauscaffé(c)Graz Tourismus_Tom Lamm
Graz_Schlossberg(c)GrazTourismus_Harry Schiffer
Graz_Schlossberg(c)GrazTourismus_Harry Schiffer